… è poi utile fare tutte le domande giuste prima di sottoporsi ad una procedura a finalità estetica…
La riservatezza è di fondamentale importanza in medicina e chirurgia, e lo è ancor di più in campo estetico.
Il Dr. Giovanni Salti ed i suoi collaboratori considerano il segreto professionale una necessità primaria nel rispetto
della sua tradizione storica in medicina e delle vigenti leggi.
Giovanni Salti
   
Chirurgo estetico

Il botox da sempre fa parlare di sé: chi apprezza i suoi risultati, ma non ne comprende le basi scientifiche dell’efficacia, dice che è miracoloso; di contro, chi non comprende le basi scientifiche della sua sicurezza, dice che è pericoloso. Il botulino è in realtà un farmaco che viene utilizzato in vari campi della medicina da molti anni. Nel 1970 un oculista canadese, Alan Scott, sperimentò i suoi effetti per curare lo strabismo e da allora il farmaco è stato usato per trattare diverse patologie anche molto diverse da loro (distonie, tic, balbuzie, mal di testa, spasticità, vaginismo, ipersudorazione, ragadi).

Nella medicina e chirurgia estetica questo farmaco viene usato per trattare le rughe del terzo superiore del viso, quasi esclusivamente dovute alla contrazione della muscolatura mimica. Queste linee, cosiddette di espressione, inizialmente presenti solo durante i movimenti, con il tempo possono diventare vere e proprie rughe, presenti anche a riposo. La giusta filosofia del trattamento con la tossina botulinica è quella di una correzione molto leggera, capace soltanto di indebolire la muscolatura ma non fermarla, così che il volto mantenga la sua mobilità e la sua espressività, apparendo solo più disteso e luminoso.

Il botulino, dati scientifici alla mano è, a dispetto delle molte leggende metropolitane che lo circondano, un farmaco assolutamente sicuro. Presenta pochissime controindicazioni e soprattutto non è un veleno. Le dosi utilizzate per i trattamenti estetici sono largamente più basse di quelle per gli usi neurologici e per molti altri usi medici. Il farmaco è regolarmente autorizzato per l’uso estetico ed è stato impiegato per diverse decine di milioni di trattamenti con finalità estetica. In Italia, AITEB rappresenta l’associazione scientifica di riferimento per l’uso estetico del farmaco e si fa promotrice di una corretta informazione anche presso il grande pubblico.